Downhole – Interpretazione delle prove Downhole

390.00 esc. IVA

Valutato 3.50 su 5 su base di 2 recensioni
(2 recensioni dei clienti)

Con il metodo sismico downhole (DH) viene misurato il tempo necessario alle onde P ed S per propagarsi tra una sorgente sismica, posta in superficie, e i ricevitori, posti all’interno di un foro di sondaggio.

Determinati graficamente i sismostrati si ottengono la densità media, funzione della velocità e della profondità, il coefficiente di: Poisson, il modulo di compressibilità edometrica, il modulo di Young, il modulo di compressibilità volumetrica, Vs,eq.

Category: SKU: 21 Tag:

Descrizione

Inseriti i dati relativi al progetto, alle profondità raggiunte e i tempi di tragitto misurati, è possibile ottenere:

  • le distanze tra la sorgente e il ricevitore
  • i tempi di tragitto corretti
  • le velocità delle onde P ed S
  • alcuni importanti parametri geotecnici
  • il grafico delle dromocrone con i sismostrati, da cui è possibile dedurre la velocità media per ogni sismostrato, alcuni parametri geotecnici medi e la Vs, eq
  • il grafico delle velocità di intervallo P ed S con la definizione dei sismostrati
  • i grafici relativi ai parametri geotecnici derivati per ogni intervallo
  • la stratigrafia proveniente dal foro di sondaggio
  • la relazione finale

L’importazione dei file SEG2 garantisce al software una elevata compatibilità con gli strumenti di lavoro.

Interpretazione con il metodo diretto
Con il metodo diretto, inizialmente, si correggono i tempi di tragitto (t) misurati lungo i percorsi sorgente-ricevitore per tenere conto dell’inclinazione del percorso delle onde e, successivamente, si realizza il grafico tcorr-z, sia per le onde P che per le onde S. In tal modo la velocità media delle onde sismiche in strati omogenei di terreno è rappresentata dall’inclinazione dei segmenti di retta lungo i quali si allineano i dati sperimentali.

Determinati graficamente i sismostrati si ottengono la densità media, funzione della velocità e della profondità, il coefficiente di: Poisson, il modulo di compressibilità edometrica, il modulo di Young, il modulo di compressibilità volumetrica, Vs,eq.

Interpretazione in Downhole con il metodo intervallo
Con il metodo intervallo i tempi di tragitto dell’onda sismica si misurano fra due ricevitori consecutivi posti a differente profondità, consentendo così di migliorare la qualità delle misure (velocità d’intervallo).

Quando si dispone di un solo ricevitore, cioè nell’ipotesi in cui le coppie di ricezioni non corrispondano ad un unico impulso, i valori di velocità determinati vengono definiti di pseudo-intervallo, consentendo solo un’apparente migliore definizione del profilo di velocità.

Ottenute le misure è possibile calcolare i tempi corretti e la velocità intervallo delle onde P ed S, con relativo grafico.

Si calcolano, quindi, la densità, il coefficiente di Poisson, il modulo di deformazione a taglio, il modulo di compressibilità edometrica, il modulo di Young, il modulo di compressibilità volumetrica per ogni intervallo e il Vs,eq.

ChangeLog

2018.16.3.509

06/06/2018

Rilascio versione 2018 Aggiornamenti: NTC 2018, importazione di file SEG per cartella, fix vari

2017.15.3.399

12/12/2016

VERSIONE 2016

  • Inserita la possibilità di effettuare lo shifting delle tracce anche disaccoppiando le onde P, le onde S1 e le onde S2.
  • Indrodotto il calcolo dei parametri medi con metodo intervallo quando il peso per unità di volume del terreno non è determinato automaticamente dal software.
  • Risolto un problema di importazione dei file seg2 generati seguendo lo standard dei dati numerici a 16 bit.
  • Implementata la possibilità di copiare la sismostratigrafia definita col Metodo Diretto nel Metodo Intervallo.
  • Implementata la possibilità di importare file in formato *.drm
  • Inserito il grafico del profilo di velocità per le onde P e per le onde S nei metodi "diretto" ed "intervallo" rispetto alla sismostratigrafia imposta.
  • Introdotta la possibilità di eliminare l'offset dalle tracce sismiche (componente continua).
  • Migliorata la gestione della grafica con la possibilità di intervenire sull'altezza dei testi per il titolo dei grafici, i valori numerici e le descrizioni degli assi.
  • Migliorata la gestione della griglia per i grafici.
  • Introdotta la possibilità di visualizzare i valori del picking elaborato sui sismogrammi.
  • Inserita la possibilità di elaborare solamente le onde S.
  • Implementata la possibilità di analizzare file per acquisizioni con doppio geofono.
  • Aggiunta la possibilità di normalizzare le tracce in fase di analisi.
  • Inserita la possibilità di filtrare le tracce dati.
  • E’ stata eseguita una modifica sul calcolo della Vs30. Se la prova non arriva a 30 metri viene esteso l’ultimo strato a 30 metri.
  • Revisione completa del programma nelle versioni nazionale e internazionale.
  • Importazione delle tracce dati generate utilizzando la strumentazione Ambrogeo (file *.dta)
  • Internazionalizzazione in Inglese e Spagnolo
  • Modifica estrazione e disegno delle tracce da file SEG2.

01/01/1970

2 recensioni per Downhole – Interpretazione delle prove Downhole

  1. Valutato 5 su 5

    ANTONIO (proprietario verificator)

    Disponibilità tanta nelle difficoltà dell’uso dalle cose più elementari a quelle più difficoltose,

  2. Valutato 2 su 5

    Luca

    Ho già contattato telefonicamente un vs tecnico e sono in attesa di una vs. risposta in merito alla difficoltà di piccaggio dei tempi di arrivo delle onde SH e P nel NUOVO programma Down-Hole cosa che nella versione del 2010 andava bene.
    Per chiarimenti in merito lascio il mio cellulare 348-8221279.
    Saluti
    Luca Carmeli

    • filippo catanzariti

      Mi faccia sapere su questa email info@geostru.eu il problema è stato risolto.
      Grazie

Aggiungi Nuovo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.