In offerta

Progettazione e calcolo di Paratie – SPW

499.00 336.75 esc. IVA exp. 2018-11-27

Valutato 4.38 su 5 su base di 9 recensioni
(9 recensioni dei clienti)

Software per la progettazione ed il calcolo di PARATIE. I metodi di calcolo utilizzati sono: Equilibrio limite, Elementi finiti.
I metodi citati sono di complessità crescente sia dal punto di vista numerico che per la quantità di parametri geotecnici necessari per il calcolo. Il programma SPW consente di effettuare l’analisi di paratie a sbalzo o con tiranti. La verifica della stabilità globale viene eseguita tramite il software GSA.
Compatibile con le seguenti normative: NTC (ultima revisione), Eurocodici con annessi nazionali per diversi paesi europei. SPW è compatibile inoltre con gli standard per i seguenti paesi: Regno Unito, Brasile, Colombia, altre sono in corso di implementazione.

SPW Extension porta funzionalità aggiuntive al software per paratie come il reticolo di flusso alle differenze finite.

Categorie: , , SKU: 5 Tags:

Descrizione

SPW – Progettazione e calcolo di Paratie

CARATTERISTICHE

  • Metodo di calcolo ad elementi finiti ed Equilibrio limite.
  • Terreno stratificato.
  • Presenza di sisma e falda.
  • Pali su singola fila.
  • Pali con disposizione a quinconce.
  • Micropali su singola fila.
  • Micropali con disposizione a quinconce.
  • Setti con doppia fila di armatura.
  • Sezione generica.
  • Tiranti su più file.
  • Carichi sul terrapieno del tipo: strisce di carico, linee di carico, carichi uniformemente distribuiti. I carichi possono avere una quota di applicazione anche diversa dalla quota del piano campagna.
  • Tracciamento del reticolo di flusso alle differenze finite.

CALCOLO

  • Calcolo ad equilibrio limite (LEM) ed elementi finiti (FEM) anche con analisi non lineare.
  • Calcolo della profondità di infissione.
  • Verifica di una profondità di infissione assegnata.
  • Visualizzazione diagrammi delle sollecitazioni per ogni fase e combinazione.
  • Calcolo del coefficiente di reazione orizzontale automaticamente.
  • Calcolo delle spinte con il metodi di: Coulomb, Rankine, Mononobe & Okabe, Caquot e Kerisel.
  • Calcolo delle tensioni nel sottosuolo indotte da carichi esterni con il metodo di Boussinesq.
  • Analisi della paratia durante le fasi di scavo.
  • Semiprogetto delle sezioni allo stato limite ultimo anche per sezioni miste.
  • Verifica a sifonamento
  • Verifica stabilità di fondo scavo

ANALISI DI STABILITA’ GLOBALE
Metodi di: FELLENIUS, BISHOP, JANBU, BELL, SARMA;  D.E.M.

Il programma si interfaccia con G.F.A.S. (Geotechnical and F.E.M. analysis System).

ChangeLog

2018.31.4.928

27/10/2018

Aggiornamento alle NTC 2018

Questo aggiornamento apporta le seguenti variazioni:

7.11.1. Requisisti nei confronti degli stati limite
Le verifiche agli stati limite ultimi di opere e sistemi geotecnici si riferiscono al solo stato limite di salvaguardia della vita (SLV) di cui al § 3.2.1; quelle agli stati limite di esercizio si riferiscono al solo stato limite di danno (SLD) di cui allo stesso § 3.2.1. Le verifiche degli stati limite ultimi in presenza di azioni sismiche devono essere eseguite ponendo pari a 1 i coefficienti parziali sulle azioni e sui parametri geotecnici e impiegando le resistenze di progetto, con i coefficienti parziali indicati nel Capitolo 7 , oppure con i coeffcienti indicati nel Capitolo 6 laddove non espressamente specificato.

6.2.4.2 Verifiche nei confronti degli stati limite ultimi idraulici

Le opere geotecniche devono essere verificate nei confronti dei possibili stati limite di sollevamento o di sifonamento.
A tal fine, nella valutazione delle pressioni interstiziali e delle quote piezometriche caratteristiche, si devono assumere le condi-zioni più sfavorevoli, considerando i possibili effetti delle condizioni stratigrafiche.
Per la stabilità al sollevamento deve risultare che il valore di progetto dell’azione instabilizzante Vinst,d, ovverosia della risultante delle pressioni idrauliche ottenuta considerando separatamente la parte permanente (Ginst,d) e quella variabile (Qinst,d), sia non maggiore della combinazione dei valori di progetto delle azioni stabilizzanti (Gstb,d) e delle resistenze (Rd)

Note sulle verifiche STR NTC 2018

A seguito dell‘aggiornamento delle Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC 2018) le verifiche delle combinazioni sismiche per le strutture di fondazione (pali compresi) verranno eseguite in modalità e sostanzialmente elastica cioè la resistenza a flessione (semplice o composta) verrà limitata al raggiungimento del momento di prima plasticizzazione, cioè al momento più piccolo tra quello che comporta il raggiungimento della tensione di snervamento nell’acciaio e quello che comporta il raggiungimento della deformazione unitaria di compressione pari a 0.002 nel calcestruzzo (il programma per il calcestruzzo utilizza comunque il legame costitutivo parabolico). Ciò comporterà una riduzione della resistenza a flessione (rispetto a quella calcolata allo stato limite ultimo) di di circa il 10% nelle strutture con piccolo o nullo sforzo assiale e fino al 30% per i pali di fondazione. Per le travi di fondazione l’armatura minima superiore ed inferiore deve essere almeno pari allo 0,2% dell’area della sezione trasversale.

2018.31.3.924

18/09/2018

Nuova versione 2017. Miglioramenti generali, compatibilità' con windows 10, modifica algoritmo convergenza calcolo della profondità di infissione, modifica algoritmo analisi non lineare, aggiunta nuova normativa europea en-bug fix

Agosto 2015 RILASCIO VERSIONE 2016

  • Viene data la possibilità all'utente di personalizzare l'archivio attraverso tiranti con armatura tubolare. Ottimizzato l'algoritmo per l'analisi di stabilità globale in presenza di falda.
  • Modificato l'algoritmo di calcolo della trave di collegamento.
  • E' stata data la possibilità di gestire i testi dei diagrammi.
  • Metodo FEM, tiranti disposti su più file: migliorata la funzione disegno della carpenteria dei tiranti.
  • Modifica stampa verifiche a taglio. Miglioramenti interfaccia utente e relazione.
  • mportazione sezione topografica da: file DXF, Trispace, file di testo.
  • Modifica modalità inserimento paratia;
  • Aggiunta staffatura a spirale in esecutivi pali;
  • Falda idrica per punti;
  • Gestione grafica legenda strati;
  • Verifica a sollevamento fondo scavo per le verifiche HYD;
  • Aggiunta in relazione di calcolo delle verifiche idrauliche.
  • Corretto problema di passaggio dati da SPW a stabilità globale secondo l’approccio A2+M2+R2
  • Aggiunta assi di riferimento "Cliccare sul righello per aggiungere assi di riferimento".
  • Aggiunti comandi rapidi: cliccare sul disegno e digitare: D per dati generali, A per archivi, G per geotecnica, Z per zoom, P per spostare, D per la misura della distanza.
  • Carico limite verticale funzione Fattore di correlazione verticali indagate.
  • Carico limite verticale anche per sezioni rettangolari.
  • Informazioni dinamiche sulla paratia. E’ sufficiente spostarsi con il puntatore del mouse sulla testa della paratia per avere informazioni su: geometria, composizione sezione, tipologia sezione.
  • Correzione modulo trave di collegamento.
  • Modifica disegno trave di collegamento.
  • NTC 2008-parametri sismici, implementata la stampa dei coefficienti di deformabilità e di spostamento.

01/01/1970

01/01/1970

9 recensioni per Progettazione e calcolo di Paratie – SPW

    Mostra le revisioni in tutte le lingue (8)

  1. Valutato 5 su 5

    antiriti

    Premesso che conosco ed uso per conto delle società dove ho lavorato (Impregilo, Anas, …) i principali software di calcolo italiani. Tra questi ho avuto modo di utilizzare anche questo software oggi diventato i mio strumento di calcolo principale. Conclusione poca spesa mola resa.

  2. Valutato 4 su 5

    fc

    ottima la parte relativa al calcolo: riferimenti normative, velocità, ecc…
    sicuramente migliorabile l’interfaccia grafica: lo zoom non è fluido, i comandi per lo zoom/pan sono per me scomodi.
    inoltre le tabelle in cui inserire i dati non supportano gli “acceleratori” da tastiera.

    • filippo catanzariti

      A breve interfaccia grafica di questo software sara’ sostituita. Mentre per: “inoltre le tabelle in cui inserire i dati non supportano gli “acceleratori” da tastiera. ci puo’ indicare qual inseriremo i comandi.

  3. Valutato 4 su 5

    Mario (proprietario verificator)

    Confesso di averlo utilizzato poco. le mie prime impressioni sono quelle di un software con il quale essere operativi in tempi brevi grazie anche ai diversi esempi di calcolo.
    Interfaccia grafica gradevole e chiara, relazione di calcolo molto ben fatta.

  4. Valutato 4 su 5

    sergio (proprietario verificator)

    Software di rapida comprensione, completo nelle varie opzioni di impostazioni del pendio e dei carichi. Risponde alle mie esigenze.

  5. Valutato 5 su 5

    TENE SALVATORE

    Mi trovo da sempre molto bene

  6. Valutato 4 su 5

    petros (proprietario verificator)

    software con rapporto qualità/prezzo molto buono

  7. Valutato 4 su 5

    Andrea Posti (proprietario verificator)

    Software con buon rapporto qualità prezzo. Facile da usare e professionale.

  8. Valutato 5 su 5

    Federico

    Salve vorrei avere informazioni rispetto ai vostri prodotti. In pratica sono in possesso di una licenza di MIDAS Gen e per quanto questo software sia completo pecca dal punto di vista geotecnico per cui ho pensato ai vostri software a complemento del mio programma. Ciò che mi servirebbe è: calcolo fondazioni in c.a (esecutivi e verifiche di plinti, travi e pali); calcolo portanza per ogni tipologia di fondazione; calcolo paratie e muri di sostegno ; stabilità dei pendii.

  9. Valutato 4 su 5

    Giuseppe G. (proprietario verificator)

    Utilizzo SPW dal 2010 e devo dire che a parte qualche miglioria che potrebbe essere apportata a livello di interfaccia grafica lo trovo sempre di semplice ed immediato utilizzo.

Aggiungi Nuovo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.